Monologhi teatrali maschili

The Libertine: monologo di Rochester. “Non ho alcuna intenzione di piacervi”

Rochester: Consentitemi di essere esplicito sin dall’inizio: non credo che vi piacerò. I signori proveranno invidia e le signore disgusto. Non vi piacerò affatto! Non vi piacerò ora e vi piacerò ancor meno in seguito. Signore, un avvertimento: io sono pronto a tutto! In ogni momento! Che sia merito o demerito, questo ora è difficile Continue Reading

La corda seria, la civile e la pazza! Monologo di Ciampa tratto da “Il Berretto a sonagli”

Ciampa: Non è questo, signora mia. Vuol che gliela spieghi io, la cosa com’è? Lo strumento è scordato. Beatrice: Lo strumento? Che strumento? Ciampa: La corda civile, signora. Deve sapere che abbiamo tutti come tre corde d’orologio in testa: (Con la mano destra chiusa come se tenesse tra l’indice e il pollice una chiavetta, fa Continue Reading

Monologo di Trigorin da “Il gabbiano” di Cechov: “Avevo paura del pubblico, lo temevo”

NINA La vostra vita è meravigliosa! TRIGORIN Ma che cos’ha di tanto meraviglioso? (Guarda l’orologio). Adesso devo andare a scrivere. Scusatemi, non ho tempo…(Ride). Avete toccato, come si suol dire, il mio punto debole, ed io comincio a turbarmi e a seccarmi un poco. Comunque, parliamone pure. Parliamo della mia splendida, luminosa vita… Beh, da Continue Reading

About me

Sara

Ci sono luoghi magici, luoghi nella quale ti senti bene, luoghi che ti rendono felice, emozionandoti e facendoti sentire vivo. Per me quel luogo è il Teatro

Get new posts by email