La bandiera bianca a strisce blu sventola sul balcone nel palazzo di fronte. Sono in Grecia è il 25 Dicembre.

Un Natale speciale, lontano dalla mia città dai miei affetti, circondata da luoghi sconosciuti, persone appena conosciute, una lingua che non so neanche leggere.

Mi sento a casa.

La perfezione se esiste è questa.

Non avrei mai potuto provare queste emozioni se non avessi avuto il coraggio di dire “No”.
La forza di guardarmi attorno e pensare: “Questa non è la vita che voglio, mi accontento, ma non sono felice”.

Il primo passo ti toglie da dove sei, il primo passo è il più difficile.
Soprattutto se non c’è nulla dalla quale devi scappare.
Soprattutto se hai un buon lavoro, una casa, una famiglia che ti vuole bene e degli amici che ti sono vicini.

Avevo tutto questo mentre facevo la valigia. Mentre partivo per l’Irlanda con l’intenzione di trascorrere solo un mese lontano dall’Italia per poi tornare.

Nulla succede per caso. Un colloquio su Skype, un contratto di lavoro ed eccomi ad Atene.

Sono esattamente dove avrei voluto essere, rilassata, entusiasta per questa nuova avventura.

Quest’anno l’Augurio più grande che posso fare a chiunque è quello di non lasciarsi sopraffare dalla paura e seguire la propria strada senza farsi condizionare, senza pensarci troppo su.

Ascoltarsi è il primo passo. Tutto il resto viene da sé. Scivola perfettamente, fluttua senza complicazioni. Lo so che può sembrare strano, ma credetemi è così.

L’ansia mi ha sempre ostacolato in tutto. Quel continuo chiacchiericcio mentale che ti sussurra: “E se poi…e se poi…e se poi…come farai?”, mentre già t’immagini sperduta, derubata a dormire sotto un ponte.

Ora che sono qua, di fronte a questo meraviglioso spettacolo di case bianche avvolte da un cielo limpido azzurro, il mare in lontananza, l’unico pensiero è: “Perché non l’ho fatto prima?”

Ognuno di noi trova la propria felicità nel percorso di vita che sceglie. Non viviamo per assecondare gli stereotipi o le aspettative di una società che non ci rappresenta. Non dobbiamo per forza laurearci, trovare un buon lavoro, sposarci, avere figli, comprarci una casa e diventare nonni.

O magari possiamo farlo, se quella è la nostra strada ed è esattamente quello che vogliamo.

Solo nel momento in cui mi sono fermata, mi sono guardata allo specchio e ho capito ciò che non voglio ho iniziato a vivere.
Il passato? Un’altra vita. Un’altra esperienza.

D’ora in avanti è una nuova avventura.
Stavolta però è l’avventura che ho scelto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *