La Topastra di Stefano Benni

Oggi vi ripropongo un divertente testo di Stefano BenniLa Topastra“.
Originale e brillante monologo da leggere e….interpretare ;-)!

Testo Completo—> La Topastra di Stefano Benni

Finale:

Incredibile!

Infatti non è vero. È una bugia, un sogno… un sogno che faccio ogni tanto a occhi aperti… il sogno d’esser trattati, per una volta nella vita, con la dignità che si meriterebbe, anche noi… noi là di sotto.

Ha un momento di commozione, tira su e si strofina il naso, poi continua a tirar su annusandosi la mano, guarda di nuovo il pubblico con sfida.

Puzzo?

Pausa.

Puzzerete voi! Fate un po’ come volete e chiamatemi come vi pare, ma ricordatevi: noi si ha pazienza e si ingoian tutti i vostri veleni, ma un giorno…

Un giorno si scoprono i tombini, si levan le sorche! Seicento miliardi siamo! Sì, seicento miliardi di topi messi insieme in tutto il mondo. Capito la cifra? Cazzi vostri… Seicento miliardi di code ritte come baionette! Sentirete un rumorino alla porta… “Caro, ci dev’essere un topo là fuori, vai, ammazzalo con la scopa, presto!” Aprirete la porta… un esercito! Chilometri e chilometri di sorche!

fa il segno 6 con le dita

Seicento miliardi. Trecento a testa ve ne toccano!

si annusa per l’ultima volta

Puzzo? Come, puzzo? No. Anzi, profumo!

2 thoughts on ““La Topastra” di Stefano Benni”

  1. Di Benni ho letto “bar sport ” e “Margherita dolcevita” e forse qualcos’altro qualche anno fa, forse ho ancora le recensioni tra le pagine del mio blog. Non mi dispiaceva leggerlo. ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *