ricorda-con-rabbia

Monologo di Alison tratto da “Ricorda con rabbia” di Osborne

ALISON: Non ha importanza, avevo torto, ho sbagliato. Io non voglio essere neutrale, non voglio essere una santa. Voglio essere una causa persa. Voglio essere sporca e inutile!

(Jimmy la guarda e no sa che fare. La voce di Alison cresce di tono)

Non capisci? Non c’è più! Non c’è più! Quella povera creatura indifesa dentro il mio corpo! E io che credevo che fosse talmente al sicuro dentro di me. Che niente avrebbe potuto togliermelo. Era mio, dipendeva da me. E l’ho perduto.

(Scivola a terra vicino alla tavola)

Il mio unico desiderio era morire. Non sapevo che fosse così. Ho sofferto terribilmente e non riuscivo a pensare ad altro che a te e alla mia creatura che avevo perduto. (Riesce appena a parlare). E pensavo, se solo…. se solo potesse vedermi ora, così stupida, così brutta e ridicola! E’ questo che lui desiderava che io provassi. E’ questo che voleva; adesso ne godrebbe!

Sono in mezzo alle fiamme, mi sento bruciare e tutto quello che chiedo è di morire. Gli costa suo figlio e gli altri che avrei potuto avere da lui! Ma che cosa importa? E’ questo che lui voleva da me! (Alza il viso verso di lui).

Non vedi? Ci sono, alla fine, nel fango! Mi ci sto rotolando, ci striscio dentro! Oh Dio….(crolla ai piedi di Jimmy).

Lui resta per un attimo paralizzato, poi si china e prende fra le braccia il corpo di lei scosso dai singhiozzi.


Lettura consigliataRicorda con rabbia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...