Lesson N° 5: è aperta o é chiusa? Regole, eccezioni ed esempi

Cominciamo il nostro viaggio nel mondo delle regole con la lettera “e” che, nell’ortografia italiana, rappresenta due vocali: la “è” foneticamente di suono aperto e la “é” foneticamente di suono chiuso.Entrambe, come si può notare, si possono distinguere l’una dall’altra a seconda dell’accento tonico grave o acuto.

La vocale “E” con accento grave: “ è ” tonica aperta italiana.

Vediamo ora le regole che determinano l’apertura del suono della vocale “ è ”.

-Dittongo “ iè ”

Quando la “ e ” fa parte di un dittongo è sempre aperta tranne che in rare eccezioni.

Alcuni esempi: diètro, niènte, cavalière, mièi, pensièro, piètra, pièdi, dièci.

Fa eccezione:

1) quando fa parte di un suffisso che abbia una “e” chiusa (vecchiétto,  macchiétta), generalmente i diminutivi.

2) nelle derivazioni etniche (ateniése, pugliése).

3) parola isolata: chiérico.

-Nelle terminazioni in -ènue, -èrio, -èdio

Alcuni esempi: tènue, critèrio, assèdio, commèdia, sèrio, putifèrio, ecc.

  Fa eccezione:

1) nelle voci in -éguo (séguo, diléguo, trégua).

2) nelle voci in -égio: frégio, sfrégio.

-Quando è seguita da vocale “-èa, -èi, -èo”

Alcuni esempi: costèi, idèa, sèi, trincèa, ecc.

  Fa eccezione:

  1) quando fa parte delle desinenze dell’imperfetto.

  2) quando fa parte della desinenza “éi” del pass.rem. (potéi).

  3) nelle forme sincopate (néi, quéi, déi, ecc.).

-Nelle terminazioni in -èllo/a/e/i (anche -erèllo, -icèllo)

Alcuni esempi: bèllo, cappèllo, castèllo, ombrèllo, ecc.

  Fa eccezione:

  1) preposizioni articolate: déllo/a/e, néllo/a/i” (Anche le forme sincopate: néi, déi)

  2) aggettivi e pronomi: quéllo/a/e/i. (Anche le forme sincopate: quei)

  3) parole isolate: capéllo, stélla.

-Nelle desinenze in -èndo, -ènda, dei verbi

Alcuni esempi: attèndo, aprèndo, apprèndo, colpèndo, vivèndo, spèndo, ecc.

  Fa eccezione:

 1) parole isolate: scéndo, véndo. 

Questo suffisso è spesso sovrapponibile alla terminazione “-èndo”. In tal caso, ogni volta che  incontreremo parole con, all’interno,  la particella “end” potremo pronunciarle in modo aperto.

-Nelle terminazioni in -èndere dell’infinito

Alcuni esempi: intèndere, estèndere, offèndere, stèndere, rèndere, ecc.

-Nelle terminazioni in -èndo/a/e/i di nomi e aggettivi

Alcuni esempi: agènda, ammènda, orrèndo, tremènda, ecc.

-Nelle terminazioni in -èdine/i

Alcuni esempi:  intercapèdine, torpèdine, ecc.

-Nei nomi terminanti in -ènza/e/i/o

Alcuni esempi:  violènza, partènza, urgènza, lènza, sènza, ecc.

-Nelle terminazioni in -èsimo/a/e/i dei numerali

Alcuni esempi: trentèsimo, ottantèsimo, centèsimo, ecc.

-Nelle terminazioni in -ènne, -ènnio delle derivazioni numerali

Alcuni esempi: trentènne, sessantènne, trentènnio, sessantènnio, ecc.

-Nelle terminazioni in -èrto/a/e/i, -èrso/a/e/i, -èrvo/a/e/i

Alcuni esempi: copèrto, vèrso, cèrvo, apèrto, tèrso, sèrvo, ecc.

-Nelle terminazioni in -ènto/a/e/i

Alcuni esempi: cadènte, pezzènte, mordènte, evènto,  accènto, vènto, ecc.

Questa terminazione preceduta dalla consonante “m” è sempre chiusa. (vedi regola pag. 18)

  Fa eccezione:

  1) terminazioni in -ménte (ricorda che questa è una regola)

  2) parole isolate: vénti, trénta, ménte (intelletto).

-Nelle terminazioni in -ènse/i

Alcuni esempi: forènse, portuènse, amanuènse, ecc.

Nei sostantivi terminanti in -èma/e/i/o

Alcuni esempi:  problèma, sistèma, tèma (componimento), ecc.

-Nelle terminazioni in -èrro/a/e/i 

Alcuni esempi: affèrro, tèrra, ecc.

-Nelle terminazioni in -èrno/a/e/i

Alcuni esempi: invèrno, pèrno, etèrno, infèrno, tèrno, patèrno, ecc.

  Fa eccezione:   

  1) parole isolate: schérno.

-Nelle terminazioni in -èsto/a/e/i

Alcuni esempi: contèsto, cèsta, fèsta, lèsto, pèsto (sugo), ecc.

  Fa eccezione:

  1) parole isolate: quésto, codésto, césto, désto, pésto (pestone).

-Nelle terminazioni in -èstre

Alcuni esempi: terrèstre, bimèstre, equèstre, ecc.

-Nelle terminazioni in -èrrimo dei superlativi

Alcuni esempi: acèrrimo, ecc.

-Nelle terminazioni in -èca

Alcuni esempi: bibliotèca, discotèca, enotèca, ecc.

-Nelle terminazioni in -ètto/a/e/i dei sostantivi e aggettivi

Alcuni esempi: perfètto, affètto, rispètto, retto, aspetto, ecc.

N.B.: Molti sono i termini che fanno eccezione tra i quali, architétto, bigliétto, tetto, ecc.

-Nelle terminazioni in -ètti, -ètte, -èttero del passato remoto

Alcuni esempi: credètti, credètte, credèttero.

-Quando è seguita da un suffisso atono o da un elemento atono di  parola composta (generalmente parole sdrucciole)

Alcuni esempi:  telègrafo, telèfono, famèlico, ecc.

  Fa eccezione:

  1) terminazioni in -éfice.

  2) parole isolate: medésimo, véscovo, débole, cénere, védovo, ecc.

-Nelle terminazioni in -èsi dei termini dottrinali

Alcuni esempi: catechèsi, esegèsi,  tèsi, ecc.

-Nelle terminazioni in -èro

Alcuni esempi: ministèro, monastèro, pistolèro, torèro, ecc.

Suffisso aggettivale e sostantivale legato, in prevalenza, a funzioni o a luoghi di riconosciuta importanza. Spesso è legato a termini di derivazione spagnola

Nelle terminazioni in -èno/a/e/i di nomi etnici

Alcuni esempi: madrilèno, cilèno, slovèno, armèno, ecc.

Nelle terminazioni in -èzio/a/e/i

Alcuni esempi: trapèzio, ecc.

-Le parole che terminano in consonante

Alcuni esempi: nègus, vademècum, ecc.

Fa eccezione:

   1) nei troncamenti di parole che hanno la ” é ” chiusa (dél).

-Nei nomi tronchi di derivazione straniera

Alcuni esempi: bidèt, cachèt, ecc.

La vocale “E” con accento acuto: “ é ” tonica chiusa italiana.


Vediamo ora le regole che determinano la chiusura della vocale “ é ”.

Nelle terminazioni in -écchio, -écchia

Alcuni esempi: sécchio, orécchio, apparécchio, 

  Fa eccezione:

  1) parole isolate: spècchio, vècchio.

-Nelle terminazioni in -éggio/a/e/i dei sostantivi e dei verbi

Alcuni esempi: cartéggio, légge (norma), postéggio, ecc.

 Fa eccezione:

 1) parole isolate: lègge (dal verbo: lèggere), règgia, pèggio, sèggio, protègge.

-In alcune parole tronche

Alcuni esempi:  poiché, perché, giacché, ecc.

-Nelle terminazioni in -ménte e -ménto degli avverbi e sostantivi

Alcuni esempi: veraménte, sentiménto, accogliménto, ecc.

  Fa eccezione: 

1) tutte le parole prive della consonante “ m ”, quindi le terminazioni in -ente.             

-Negli infiniti della seconda coniugazione

Alcuni esempi: godére, dovére, potére, volére, ecc.

-Nelle terminazioni in -ésco/a/e/i

Alcuni esempi: ésca, affrésco, pazzésco, ecc.

Fa eccezione:

  1) le voci verbali del verbo uscire.

  2) parole isolate: pèsca, pèsco  (frutto e albero).

-Nelle terminazioni in -éte del presente indicativo oppure dell’imperativo e  in -éto dei sostantivi

Alcuni esempi: vedéte, agruméto, ulivéto, fruttéto, ecc.

-Nelle terminazioni in -ése/o/a/i  che indicano provenienza etnica e in generale

Alcuni esempi: danése, pugliése, piemontése, péso, accéso, ecc.

  Fa eccezione:  

1) parole isolate: catechèsi, esegèsi, tèsi, obèso.

-Nelle terminazioni in -ézzo/a

Alcuni esempi: debolézza, bellézza, brézza, ecc.

Fa eccezione: 

  1) parole isolate: mèzzo, prèzzo, disprèzzo.

-Nelle terminazioni in -étto/a/e/i dei diminutivi e collettivi      

Alcuni esempi: trombétta, vecchiétto, terzétto, gabinétto (da cabina), sigarétta, ecc.

-Nelle terminazioni in -éccio/a/i/e di aggettivi e sostantivi

Alcuni esempi: fréccia, cicaléccio, caseréccio, pescheréccio, treccia, ecc.

 Fa eccezione: fèccia.

Nelle terminazioni in -éfice

Alcuni esempi: artéfice, oréfice, pontéfice, ecc.

Esprime qualità, generalmente con funzione professionale e lavorativa.

-Nelle terminazioni in -éssa dei sostantivi

Alcuni esempi: contéssa, riméssa, ecc.

-Nelle terminazioni in -évole degli aggettivi

Alcuni esempi: amichévole, confortévole, miserévole, pieghévole,  amorévole, arrendévole, onorévole, ecc.

 Fa eccezione:       

1) benèvolo, malèvolo, o termini di natura generale.

-Nelle terminazioni in -éguo/a/e/i

Alcuni esempi: diléguo, strégua, ecc.

In alcuni mononosillabi

Alcuni esempi: é (cong.), mé, té, cé, né, vé, ré (monarca), tré, ecc.

-Quando la “ é  ”  tonica deriva da una “ i ” latina

Alcuni esempi: virgo : vérgine, ecc.

 

Prossima lezione le regole per la o aperta e chiusa 🙂

Annunci
Sara

Appassionata di teatro, poesia e viaggi. La testa fra le nuvole e i piedi....pure.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...