E poi arriva quel giorno…

E poi arriva il giorno in cui le finestre iniziano a sbattere, il treno arriva in ritardo, la lampadina si brucia, la batteria si scarica. C’è sempre quel giorno.

Arrivi al lavoro in ritardo anche se ti sei svegliato in anticipo. Perdi  il bus dopo aver pestato una merda. La fronte corrucciata, quella ruga ben visibile sempre più profonda.

Maledetto quel giorno.

E poi arriva quel giorno in cui la cassiera ti sorride, trovi le scarpe che tanto volevi scontate del 50%, il capo ti dice che hai fatto un buon lavoro e il marito/fidanzato ti fa trovare la cena pronta a lume di candela.
Ti arriva un bonifico inaspettato, il vestito nuovo ti sta benissimo, il sole splende e i capelli stanno al loro posto.
Quel giorno non hai le occhiaie, sei sorridente, le fossette ti donano e più sorridi più gli altri ricambiano.

E poi arriva quel giorno in cui il cuore batte forte forte, i pensieri si bloccano, il panico ti assale, niente è al posto giusto, tutto è confuso e trema. Gli occhi lucidi, i crampi allo stomaco. Non riesci a dormire. Non puoi gestirlo, devi solo aspettare, aspettare che la cassiera torni a sorriderti. Aspettare che esca il sole, aspettare che quella matassa di pensieri si dissolva.

E poi si dissolve, giuro, si dissolve sempre.

Improvvisamente le finestre smettono di sbattere, il treno è puntuale, la lampadina illumina la tua strada…

Annunci
Srtrz

Appassionata di teatro, poesia, fotografia e viaggi. La testa fra le nuvole e i piedi....pure.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...